Skip to content

I nostri soci sono la nostra energia: Alexander Nitz della Casa della Solidarietà

       Alexander Nitz è un membro fondatore della Casa della Solidarietà, di Bressanone. In un’intervista con Ötzi Strom, parla della casa comunitaria, della sua visione del mondo, della sostenibilità e della solidarietà e delle sue aspettative nei confronti di Ötzi Strom.

 

  • La Casa della Solidarietà offre “una casa alle persone che non riescono a trovare un posto altrove”: può dirci qualcosa di più al riguardo?
    Dal 2002, l’HdS “fa da ponte” a 100 persone bisognose ogni anno. Anziani, bambini e giovani provenienti da situazioni familiari difficili, adulti delinquenti e scarcerati, senzatetto e disoccupati, malati mentali, tossicodipendenti, concittadini stranieri, rifugiati e richiedenti asilo, ma anche studenti e persone che si impegnano ad aiutare gli altri trovano nell’HdS un aiuto e un posto dove stare. L’HdS ospita anche organizzazioni eco-sociali. I costi di gestione del variegato lavoro dell’HdS sono stati finora coperti senza contributi pubblici. La casa si finanzia esclusivamente attraverso i proventi degli affitti, le proprie attività e le donazioni.
  • Come vede il mondo nel 2050 dal punto di vista socio-economico e tecnico-ambientale?
    Molto fragile. Abbiamo raggiunto un punto in cui è necessaria una trasformazione senza precedenti se vogliamo avere un futuro come umanità. Purtroppo mi rendo conto che tutti lo sappiamo e non lo neghiamo più, ma che non succede praticamente nulla. Ogni giorno, ogni ora sarebbe preziosa per agire finalmente e cambiare la nostra rotta di 180 gradi. Invece, ci perdiamo nella minuzia dei problemi quotidiani. Eppure posso benissimo immaginare un mondo, un mondo migliore, in cui consumiamo meno e “siamo” di più. È un mondo in cui scambiamo a livello globale, ma quasi solo compriamo, viaggiamo, viviamo a livello locale, in cui la tecnologia ci aiuta a creare un mondo giusto e pulito, non il contrario, in cui la politica ha in mente i diritti umani, animali e vegetali e il relativo bene comune e non gli interessi particolari, in cui lavoriamo perché ci piace e abbiamo abbastanza tempo per ciò che ci piace davvero, invece di finire nella ruota del criceto…
  • Che cosa significa per voi la sostenibilità e come si riflette nella vostra vita privata o professionale di tutti i giorni?
    Purtroppo il termine è diventato molto usato e abusato. In generale, ora mi chiedo se ogni cosa che faccio è buona per me, per gli altri, per il mondo e per le generazioni future. Compro solo ciò che mi serve davvero, quando possibile di seconda mano e a livello locale. Non viaggio più in aereo e, se possibile, con i mezzi pubblici. Vado al lavoro a piedi, in bicicletta o con i mezzi pubblici. Ogni anno compenso le emissioni dell’auto. Compro nei negozi del mio paese e attraverso un gruppo GAS. Compro le verdure dell’orto e la frutta di stagione, possibilmente biologica. Sostengo gli attivisti e aiuto il Patto per il Futuro con i miei mezzi molto limitati. Ho investito il mio denaro con Ethical Banking e Oikocredit. E e e e. Trovo che sia una sfida motivante per vedere cos’altro è possibile fare. Sul lavoro non è diverso: Siamo soci del Banco Alimentare e quindi contribuiamo a evitare di buttare via il cibo. Quando possiamo, acquistiamo localmente. Cerchiamo di risparmiare acqua ed elettricità. Presto installeremo un impianto fotovoltaico. Una parte del nostro denaro è investita in modo etico. In città andiamo a piedi e in bicicletta il più possibile, altrimenti usiamo i mezzi pubblici (tre dei cinque membri del team non guidano). Insieme all’OEW, abbiamo creato il REX, un centro per gli oggetti ben conservati che altrimenti verrebbero buttati via. Abbiamo una piattaforma Whatsapp dove gli oggetti che non servono più ma sono ancora buoni vengono passati a chi ne ha bisogno. E e e e. Ma tutto questo non è sufficiente senza un aiuto massiccio da parte dei politici.
  • Perché ha scelto Ötzi Strom? Qual è stato il punto decisivo?
    Perché dobbiamo cercare la soluzione più sostenibile possibile in tutti i settori della vita, compreso quello dell’elettricità. Sia come casa della solidarietà che nella nostra vita privata. Naturalmente, sia a livello professionale che privato (in una famiglia con cinque figli e uno stipendio da impiegato), devo sempre tenere d’occhio i cordoni della borsa. Ma l’offerta di Ötzi è valida anche in questo caso.
  • Cosa si aspetta da Ötzi Strom nei prossimi 5 anni?
    Che prosegua con forza sulla strada della sostenibilità che ha intrapreso, ma che dia anche altri impulsi nel senso di una grande trasformazione, che rimanga trasparente, che si concentri non sulla crescita quantitativa ma su quella qualitativa e che diventi una forza positiva a livello politico, e non una – e qui il settore energetico è probabilmente particolarmente vulnerabile – che abbia solo lo sguardo rivolto al rendimento.

Lettura: “Via, solo via” – Casa della Solidarietà